Aspetti procedurali - concordatopreventivo.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Concordato preventivo


ASPETTI PROCEDURALI


Al Commissario Giudiziale spetta la verifica dell'elenco dei creditori e dei debitori con la scorta delle scritture contabili presentate a norma dell'art. 161; costui apporterà, così, le eventuali rettifiche che si rendessero necessarie. Successivamente, lo stesso organo comunicherà ai creditori un avviso contenente la data di convocazione dei creditori medesimi e le proposte del debitore.

Espletati i numerosi adempimenti procedurali, di cui agli artt. 171 e ss. l.fall., si riunirà l'adunanza dei creditori, presieduta dal Giudice  Delegato, in seno alla quale il commissario giudiziale illustrerà la sua relazione e le proposte definitive del debitore. Ciascun creditore esporrà, se lo ritiene opportuno, le ragioni per le quali non ritiene ammissibile o accettabile la proposta di Concordato e solleverà le contestazioni sui crediti concorrenti. Il debitore, a sua volta, potrà rispondere e contestare i presunti crediti, fornendo i dovuti chiarimenti.

L’art. 177 l.fall., nel dettare regole dettagliate sul punto, prevede, in via generale, che per l’approvazione del Concordato è indispensabile il voto favorevole dei creditori che rappresentino la maggioranza dei crediti ammessi al voto. Ove siano previste diverse classi di creditori, il Concordato è approvato se ottiene il voto favorevole dei creditori che rappresentino la maggioranza dei crediti ammessi al voto nella classe medesima. Il Tribunale, riscontrata in ogni caso la maggioranza dei crediti ammessi al voto, può approvare il Concordato perfino se risulti il dissenso di una o più classi di creditori, a patto che la maggioranza delle classi abbia approvato la proposta di concordato.

Per ottenere questo esito, tuttavia, è necessario il Concorso di un’altra condizione: il Tribunale deve ritenere che i creditori appartenenti alle classi dissenzienti possano risultare soddisfatti dal Concordato in misura non inferiore rispetto alle alternative concretamente praticabili.

Nel rispetto delle procedure e delle condizioni indicate dagli artt. 179 e ss. l.fall., poi, si provvederà all’omologazione del Concordato da parte del Tribunale, con decreto motivato, il quale sarà comunicato tanto al debitore quanto al Commissario Giudiziale. A quest’ultimo spetta il compito di darne notizia ai creditori, nonché di pubblicarlo e affiggerlo a norma dell'articolo 17 l.fall.

Con il decreto di omologazione si chiude la procedura di Concordato Preventivo, a patto che l'omologazione stessa intervenga nel termine di sei mesi dalla presentazione del ricorso, termine prorogabile di sessanta giorni per una sola volta, con apposito decreto del Tribunale (cfr. art. 181 l.fall.).

CONTATTACI PER IL CHECK-UP GRATUITO


 
Torna ai contenuti | Torna al menu