Il Piano Attestato - Concordato Preventivo - evitare il fallimento

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Piano Attestato

Importantissimo è il ruolo del così detto “Piano di risanamento Attestato”, previsto dall’art. 67 comma 3 lett. d).

Il Piano Attestato
prevede un percorso protetto di uscita dalla crisi, che l’imprenditore, i creditori e i terzi possono intraprendere con relativa sicurezza a condizione che sussista una ragionevole certezza che il percorso conduca all’integrale pagamento di tutti coloro che non abbiano scelto di accordarsi con il debitore, all’integrale pagamento, cioè, dei c.d. creditori estranei.

Tutto lo strumento si fonda sulla figura-chiave del Professionista, iscritto nell’albo dei revisori contabili
, che attesta l’idoneità del piano a conseguire lo scopo.

Si tratta di una grande responsabilità e anche di una grande opportunità di lavoro per il Professionista meno legato al “vecchio” sistema, il Professionista cioè che sa che è finita l’epoca in cui, nella materia della crisi d’impresa, il lavoro giungeva dal Tribunale, mentre è iniziata quella in cui il lavoro arriva, ai più qualificati, dalle imprese alla ricerca di soluzioni per la loro crisi, attuale o imminente.

I presupposti del piano attestato:

  • scelta del professionista attestatore;

  • rapporti fra professionista attestatore e advisor;

  • contenuto del piano e contenuto dell’attestazione;

  • attestazione “condizionata”;

  • monitoraggio del piano ed effetti degli scostamenti fra previsioni e realtà;

  • ruolo dell’attestatore nella fase di monitoraggio;

  • riattestazione del piano rivelatosi non fattibile e ruolo dell’originario attestatore.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu