L'Accordo - Concordato Preventivo - evitare il fallimento

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'Accordo

La riforma del 2006 ha introdotto alcuni articoli nell’originario impianto della legge fallimentare. Tra questi, ha richiamato l’attenzione soprattutto l’art. 182 bis, in tema di accordi di ristrutturazione dei debiti. A tal fine, è attribuita al debitore la facoltà di depositare un accordo di ristrutturazione dei debiti, stipulato con i creditori rappresentanti almeno il sessanta per cento dei crediti, unitamente ad una relazione redatta da un esperto sull'attuabilità dell'accordo stesso, con particolare riferimento alla sua idoneità ad assicurare il regolare pagamento dei creditori estranei.

L'accordo è pubblicato nel registro delle imprese, in modo che sia i creditori che ogni altro interessato siano in grado di proporre opposizione entro trenta giorni dalla pubblicazione stessa. Il Tribunale, una volta decise le opposizioni, procede all'omologazione con decreto motivato.

L'accordo acquista efficacia dal giorno della sua pubblicazione nel registro delle imprese.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu